Articolo

Fatturati in aumento e salari stagnanti

Rapporto annuale PostCom 2020

© PostCom

A causa del mutato comportamento dei consumatori a seguito del coronavirus, la PostCom rileva un importante aumento di fatturato sul mercato postale svizzero. I dipendenti del settore risentono però dell’aumento dei volumi dei pacchi e ne pagano il prezzo con diverse ore straordinarie e con salari bassi. syndicom chiede una maggiore regolamentazione e controllo nel mercato postale.

La Commissione federale delle poste (PostCom) conferma la forte crescita sul mercato dei pacchi. Con una crescita del fatturato di oltre il trenta per cento solo per i pacchi del servizio universale, la pandemia del coronavirus ha accelerato ulteriormente la tendenza a lungo termine. Domina pertanto un mercato competitivo in cui si spedisce e si rinvia a costo zero. David Roth, segretario generale del settore Logistica di syndicom, valuta la situazione: «Gli elevati volumi di pacchi hanno gravato eccessivamente sui lavoratori a fronte di salari bassi. Proprio presso i prestatori di servizi postali privati e i loro subappaltatori, ma anche presso le imprese subappaltatrici della Posta, i dipendenti non godono di un’adeguata protezione. È ora di cambiare le cose.»

Adeguare gli standard minimi
syndicom si aspetta pertanto che in occasione della prossima valutazione la PostCom migliori le condizioni di lavoro prescritte per il settore. A tal fine è necessario segmentare il mercato e aumentare il salario minimo di 18.27 franchi. syndicom accoglie inoltre con favore la direzione intrapresa secondo cui la PostCom intende prestare maggiore attenzione al subappalto incontrollato nel settore logistico.

Rafforzare l’accessibilità
Il rapporto annuale della PostCom conferma che la Posta Svizzera garantisce pienamente l'accessibilità al servizio universale conformemente al mandato stabilito dalla legge. syndicom constata, però, che nonostante i vigenti criteri in materia di accessibilità, il servizio per i cittadini continua a diminuire costantemente da anni. David Roth riferisce in merito: «Le prescrizioni della Confederazione sono insufficienti e consentono soluzioni fittizie come il servizio a domicilio pur di soddisfare i requisiti. Spetta alla politica inasprire l’accessibilità dei servizi postali per continuare a garantire un servizio pubblico degno del suo nome.» syndicom si impegnerà ulteriormente per un rafforzamento del servizio postale universale. Garantendo inoltre l’unità del gruppo della Posta. Una privatizzazione di PostFinance porrebbe fine alle sinergie e comporterebbe una notevole degradazione del servizio universale.

Rimani aggiornato

In modo personale, veloce e diretto

Vuoi sapere per cosa ci impegniamo? Abbonati alla nostra newsletter! I nostri segretari e le nostre segretarie regionali saranno felici di rispondere alle tue richieste personali.

syndicom nei tuoi paraggi

Nei segretariati regionali troverai sostegno e una consulenza competente

Abbonare la newsletter