Articolo

Monitoraggio elettronico

Buongiorno, lavoro come collaboratore esterno presso un’azienda. Fino ad oggi mi sono sempre recato in sede per ricevere gli incarichi quotidiani e iniziare la mia giornata lavorativa. Mi viene messa a disposizione una macchina aziendale per svolgere il lavoro. La registrazione dell’orario di lavoro avviene sempre presso la sede di lavoro. Adesso hanno annunciato alcuni cambiamenti. Vogliono installare una app sul cellulare per gli incarichi e una per registrare la durata del lavoro. Ma non trovo giusto che il datore di lavoro voglia utilizzare il mio telefonino per fini lavorativi.

Risponde il servizio giuridico syndicom Se non è stato concordato nulla di diverso o non sono d’uso altre regole, il datore di lavoro deve fornire il materiale e gli apparecchi necessari per il lavoro. Se è il dipendente a metterli a disposizione, il datore di lavoro gli deve un indennizzo adeguato. Il tuo cellulare è un apparecchio privato dove sono salvati anche dati privati. Non hai l’obbligo di metterlo a disposizione del datore di lavoro, che dovrebbe fornirti ad esempio un tablet.

E non è che il datore di lavoro ha il totale controllo e sorveglianza sulla mia persona, se mi dà a disposizione un apparecchio lavorativo mobile con GPS per registrare la durata del lavoro e per elaborare gli incarichi?

Nei rapporti assoggettati alla legge sul lavoro sono vietati i sistemi di sorveglianza e controllo che vigilano sul comportamento dei lavoratori sul posto di lavoro. Se sistemi del genere si rendono necessari per altri motivi, come per esempio per motivi di sicurezza o di monitoraggio delle prestazioni, allora possono essere ammessi. Ma sono sempre da impostare in modo da non compromettere la salute e la libertà di movimento dei dipendenti e devono essere proporzionali. Allo stesso tempo devono garantire al meglio la tutela della persona e della salute del dipendente. Per esempio, è ammessa la registrazione del percorso di veicoli aziendali per motivi di sicurezza, di pianificazione o organizzazione del lavoro. Tuttavia, non è ammessa una sorveglianza totale in tempo reale. Generalmente vale la regola che il datore di lavoro deve precedentemente informare i lavoratori sull’impiego di sistemi di sorveglianza

Che possibilità ho come dipendente di esercitare un’influenza sull’introduzione di un sistema di sorveglianza attraverso un apparecchio lavorativo mobile?

Puoi consultare la rappresentanza dei lavoratori della tua azienda che gode dei diritti di partecipazione in materia di previdenza sanitaria. L’introduzione di sistemi di sorveglianza e controllo ricade anche nell’ambito della prevenzione sanitaria. Dunque puoi fare qualcosa attraverso la rappresentanza dei lavoratori.

Rimani aggiornato

In modo personale, veloce e diretto

Vuoi sapere per cosa ci impegniamo? Abbonati alla nostra newsletter! I nostri segretari e le nostre segretarie regionali saranno felici di rispondere alle tue richieste personali.

syndicom nei tuoi paraggi

Nei segretariati regionali troverai sostegno e una consulenza competente

Abbonare la newsletter