Articolo

PostFinance: il Consiglio federale propone la privatizzazione completa

Consiglio federale sulla strada sbagliata

Il Consiglio federale ha presentato oggi il suo messaggio sulla «revisione parziale della legge sull'organizzazione della Posta (LOP)». Con la sua proposta di privatizzare completamente PostFinance, il Consiglio federale mette in pericolo il servizio universale, le prestazioni del servizio postale e l'accesso vantaggioso ai servizi finanziari per tutta la popolazione. syndicom combatterà risolutamente questa proposta, se necessario con un referendum. 

La consultazione sulla revisione parziale della legge sull'organizzazione della Posta ha mostrato chiaramente che la proposta di privatizzazione parziale di PostFinance si è imbattuta in numerosi dubbi e nella disapprovazione della maggioranza dei partecipanti alla consultazione. È incomprensibile che il Consiglio federale persista in questa direzione, allorché c'è una soluzione molto più semplice sul tavolo. Per mezzo di una assicurazione di capitale - come si usa anche per le banche cantonali - la raccolta di capitale in borsa diventerebbe obsoleta. Se la Confederazione consentisse finalmente a PostFinance di concedere crediti come tutte le altre banche, ciò permetterebbe a PostFinance di disporre di basi solide a lungo termine. "I motivi per i quali il Consiglio federale si ostina in una tale missione suicida sono incomprensibili", ha commentato David Roth, segretario centrale di syndicom.  

Centinaia di uffici postali potrebbero chiudereLa revisione parziale della legge sull'organizzazione della Posta richiede una visione globale del gruppo Posta, perché questo gruppo funziona come un meccanismo ben congeniato e sincronizzato. David Roth avverte: "È solo grazie alle sinergie e all’interconnessione dei servizi finanziari e di quelli postali che la Posta può garantire una presenza a livello nazionale". Il gruppo Posta dipende da un'attività diversificata per garantire il servizio postale di base. Gli uffici postali offrono i vari prodotti del gruppo Posta, e nelle intenzioni del gruppo c’è anche quella di integrare altri fornitori di servizi. Se i servizi di Postfinance, che sono tra i più importanti del gruppo, verranno a mancare, allora il servizio postale di base verrà messo a repentaglio. Conseguenza di ciò potrebbe essere la chiusura di centinaia di uffici postali. David Roth lo ripete: "Dubitiamo che sia la volontà del legislatore quella di fare risparmi nel servizio pubblico. La crisi attuale causata dal Coronavirus d’altronde, ci ha appena dimostrato quanto sia importante disporre di un servizio di base ben funzionante". L'estesa e capillare rete di servizi logistici e finanziari sono la spina dorsale dell'economia svizzera. Lo scorporo di Postfinance porterebbe a una centralizzazione dei servizi, che non solo metterebbe in discussione gli obiettivi di politica regionale della Confederazione ma scatenerebbe anche un enorme aumento del traffico.  

Salvaguardare le condizioni di lavoro
razie al contratto collettivo di lavoro, il personale di PostFinance può contare sulle condizioni di lavoro più avanzate del settore bancario. Con i suoi progetti di privatizzazione di PostFinance, il Consiglio federale mette i dipendenti e i loro posti di lavoro in una situazione d’incertezza. syndicom farà tutto il possibile per proteggere le collaboratrici e i collaboratori di PostFinance e difendere le loro condizioni di lavoro.

Rimani aggiornato

In modo personale, veloce e diretto

Vuoi sapere per cosa ci impegniamo? Abbonati alla nostra newsletter! I nostri segretari e le nostre segretarie regionali saranno felici di rispondere alle tue richieste personali.

syndicom nei tuoi paraggi

Nei segretariati regionali troverai sostegno e una consulenza competente

Abbonare la newsletter