Sondaggio sulla proposta

syndicom ha voluto sapere dalle persone direttamente interessate cosa ne pensano della proposta di un'assicurazione in caso di mancanza di mandati.

 

Nel quadro di una prima consultazione – svoltasi dal 1.12.21 al 29.3.22 - syndicom ha invitato le sue affiliate e i suoi affiliati, così come altre/i indipendenti e libere/i professioniste/i interessate/i ad esprimere un giudizio sulla presente proposta compilando un sondaggio. 246 persone hanno partecipato, il che ci permette di presentare i primi risultati. Il sondaggio sulla proposta è tutt’ora accessibile.

I risultati più importanti del sondaggio

  • Solo il 12% delle persone sondate è attualmente in grado di mettere da parte i soldi che vorrebbe per le riserve.
  • Il 44% non è attualmente in grado di creare alcuna riserva.
  • Un'assicurazione collettiva in caso di mancanza di mandati sarebbe importante o addirittura molto importante per l'85%.
  • Il 74% pensa che l'assicurazione in caso di mancanza di mandati dovrebbe essere obbligatoria.
  • Il 67% presume che le loro clienti e i loro clienti accetterebbero un aumento dei prezzi.

I risultati in sintesi

44%     Non posso accumulare riserve al momento.
34%     Posso accumulare riserve, ma non durano a lungo quanto vorrei.
12%     Posso accumulare così tante riserve che sono soddisfatto della mia situazione attuale.
8%       Ho anche un secondo lavoro, quindi non ho bisogno di accumulare riserve.
2%       In generale non sono dipendente dal reddito del mio lavoro come indipendente o libero professionista.

54%     Molto importante
31%     Importante, ma non è la mia preoccupazione principale.
11%     Sarebbe bello, ma posso farne a meno.
4%       Non importante

30%     Arte grafica
28%     Fotografia
23%     Illustrazione
24%     Altri
15%     Giornalismo
14%     Redazione
10%     Video
4%       UX/UI
3%       Audio
3%       Informatica

Il nostro modello prevede che con l'introduzione di un'assicurazione contro la perdita di reddito per lavoratrici e lavoratori indipendenti o libere/i professioniste/i (APR-I), i contributi APR-I corrisponderebbero al 4% e sarebbero obbligatoriamente indicati su tutte le fatture. Se dovessi emettere una fattura di 1000 franchi oggi, ammonterebbe quindi a 1040 franchi con l'APR-I. Come pensi che reagirebbero le tue clienti o i tuoi clienti se in futuro dovessero pagare anche il contributo del 4% all'APR-I?

54%     Accetterebbero l'aumento di prezzo se fosse chiaro che è obbligatorio.
20%     Alcuni delle mie clienti o dei miei accetterebbero questo sovrapprezzo, ma altri probabilmente non vorrebbero più lavorare con me a causa di questo.
13%     Probabilmente accetterebbero l'aumento di prezzo senza grandi domande.
13%     I miei clienti difficilmente accetterebbero un tale aumento di prezzo, quindi dovrei abbassare le mie tariffe in modo che le fatture, inclusa l'APR-I, non siano più alte di oggi.

Quale sarebbe l'impatto sui tuoi redditi se dovessi includere nelle tue tariffe il 4% dell’APR-I?

41%     Il 4% è ancora nel mio margine di manovra; anche se non metto da parte niente attualmente, non dovrei aumentare le mie tariffe.
25%     Il 4% di costi aggiuntivi sarebbero un problema per me quindi dovrei aumentare le mie tariffe a causa di ciò.
22%     Già oggi metto da parte più del 4% del mio fatturato per fare delle riserve. Quindi non dovrei cambiare nulla.
12%     C'è già molta concorrenza sulle tariffe nel mio settore e non potrei permettermi il 4% di costi aggiuntivi al momento.

Nel caso di una mancanza di mandati, la prestazione assicurativa è pari all'80% del tuo fatturato abituale. L'80% è sufficiente per coprire i tuoi spese correnti (professionali e private) durante un periodo senza mandati?

67%     L'80% è esattamente ciò che mi serve per coprire le mie spese correnti.
19%     Mi potrei arrangiare anche con meno dell'80%.
14%     L'80% non è sufficiente a coprire le mie spese correnti.

L'ammontare della mancanza di mandati, ossia l'ammontare dell’indennizzo che ti verrà pagato, è calcolato sulla base del tuo fatturato degli ultimi 3 anni. Questo modello di calcolo è adatto per la tua situazione finanziaria?

53%     No perché il mio fatturato cambia ogni anno.
47%     Si perché il mio fatturato è praticamente simile ogni anno. Per me questo modello funzionerebbe.

In caso di bisogno, puoi ricevere delle “indennità ponte” in modo relativamente poco burocratico, durante l'anno in corso. Alla fine dell'anno, si analizzerà se c'è stato effettivamente un calo del fatturato o no. Se hai ricevuto più sostegno di quello a cui avevi effettivamente diritto, dovrai restituire l'importo divergente.

66%     Penso che il principio sia buono. Se alla fine dell'anno ho più fatturato del previsto, posso rimborsare il sostegno.
34%     Preferisco un sistema in cui il denaro una volta versato può essere tenuto in ogni caso, anche se ciò implica che il denaro viene versato più tardi.

Il numero di mesi durante i quali hai fatto dei risparmi all’APR-I permette di calcolare per quanto tempo hai versato contributi e a quanto ha corrisposto il fatturato. I contributi versati aumentano le riserve ogni anno dell'8% del tuo fatturato attuale. Dopo 4 anni, supponendo un fatturato costante, avrai risparmiato circa 4 mesi, dopo 10 anni saranno già 12 mesi.

Per quanti mesi avresti bisogno di avere delle riserve per sentirti coperto?

9%       0-3 mesi
38%     3-6 mesi
38%     6-12 mesi
9%       12-24 mesi
6%       Più di 24 mesi

L'assicurazione contro la perdita di reddito per lavoratrici e lavoratori indipendenti o libere/i professioniste/i verrebbe accompagnata e sorvegliata da un organo competente che ti accompagnerebbe nel caso di necessità di prestazioni.

Cosa ne pensi dell'idea di un tale organo competente per lavoratrici e lavoratori indipendenti o libere/i professioniste/i?

52%     Sarei felice di avere un centro di consulenza.
27%     Sono favorevole, ma avrei anche paura di essere messo sotto tutela da un tale organo.
13%     Sono contrario perché ho paura di essere messo sotto tutela da un tale organo.
8%       Sono generalmente contrario, perché come lavoratrice/lavoratore indipendente o libera/o professionista, nessuno deve dirmi cosa fare.

A seconda della tua situazione personale e delle tue riserve residue, il sostegno di questo organo competente si articolerebbe nelle fasi seguenti :

1. liquidità ponte;
2. coaching per l'acquisizione;
3. formazione continua;
4. riorientamento;
5. uscita dal lavoro indipendente o libero e passaggio a un rapporto di lavoro come dipendente.

Come valuti le 5 fasi del sostegno?

65%     Sembrano plausibili
22%     Nessuna risposta
13%     Avrei un altro suggerimento

74%     Sì, perché è solo se tutte le lavoratrici e tutti i lavoratori indipendente o libere/i professioniste/i aumentano le loro tariffe, che gli aumenti delle fatture alle clienti e clienti sono realistici.
26%     No, ognuno dovrebbe essere in grado di decidere da solo se accumulare o meno delle riserve.

Rimani aggiornato

In modo personale, veloce e diretto

Vuoi sapere per cosa ci impegniamo? Abbonati alla nostra newsletter! I nostri segretari e le nostre segretarie regionali saranno felici di rispondere alle tue richieste personali.

syndicom nei tuoi paraggi

Nei segretariati regionali troverai sostegno e una consulenza competente

Abbonare la newsletter