Perdite di guadagno degli indipendenti per il coronavirus

Risultati del sondaggio relativo all’attuale situazione degli incarichi

Il coronavirus e le misure a esso associate influenzano notevolmente l’attuale situazione degli incarichi dei lavoratori indipendenti e dei freelance, in particolare nel settore dei media e della comunicazione. Abbiamo pertanto lanciato un sondaggio tra i nostri membri e i loro colleghi di lavoro per rilevare tale situazione. Il sondaggio comprende la perdita di guadagno in percentuale derivante dalla disdetta di eventi e di ingaggi a seguito del coronavirus nonché le perdite di reddito finora subite in franchi svizzeri. Inoltre i lavoratori indipendenti e i freelance sono pregati di fare una stima delle loro riserve finanziarie per i prossimi mesi e della situazione degli incarichi per il prossimo periodo.

Il 19 marzo ci siamo presentanti al Consiglio federale con un risultato intermedio del sondaggio, quando ancora non erano state previste misure di sostegno per i lavoratori indipendenti. I risultati mostrano che serve un sostegno finanziario immediato per i lavoratori indipendenti e i freelance del settore creativo e dei media.

Al comunicato stampa

 

Solo circa l’8% degli intervistati non ha subito alcuna disdetta di incarichi nella prima settimana del rallentamento. Ma il 92% sta registrando disdette di ingaggi dovute alle misure contro il coronavirus.

 

Alla domanda in che misura siano stati colpiti dalle disdette, si delinea un quadro chiaro. Il 40% registra perdite pari ad almeno il 100% di un reddito mensile medio. Oltre il 70% delle persone intervistate subisce perdite per più della metà del loro reddito mensile medio. Si tratta in questo caso di incarichi effettivamente annullati. Non sono considerati gli ordini che finora non ti sono ancora stati annullati o che non ti sono ancora pervenuti.

 

Le perdite finanziarie finora subite (situazione al momento del sondaggio) sono state quantificate in CHF 5000 (valore mediano) e CHF 8562 (media). Dato che i lavoratori indipendenti e i freelance non devono solo pagarsi il proprio stipendio, ma anche le spese correnti come affitti, ecc., le perdite non sono solo delle entrate mancate, bensì principalmente dei contributi di copertura che ora vengono a mancare e a cui bisogna provvedere in altro modo per poter salvaguardare l’attività lavorativa. Il rischio dell’indebitamento è attualmente critico per molti lavoratori indipendenti e freelance.

 

La situazione degli incarichi dei lavoratori indipendenti e dei freelance è notevolmente compromessa dalla pandemia da coronavirus. Il 66% degli intervistati vede compromesso dall’80 al 100% dei propri ingaggi a causa della pandemia. Il 41% non ha addirittura più alcun incarico. È importante notare che queste cifre si riferiscono alla prima settimana del rallentamento. Il numero potrebbe essere nel frattempo già aumentato.

 

Appena il 20% degli intervistati dispone di riserve finanziarie per più di tre mesi. Il 10% è al limite già il primo mese del rallentamento e il 55% non può sopravvivere con dei redditi ridotti per più di due mesi.

 

torna

Rimani aggiornato

In modo personale, veloce e diretto

Vuoi sapere per cosa ci impegniamo? Abbonati alla nostra newsletter! I nostri segretari e le nostre segretarie regionali saranno felici di rispondere alle tue richieste personali.

syndicom nei tuoi paraggi

Nei segretariati regionali troverai sostegno e una consulenza competente

Abbonare la newsletter