Articolo

Dumping salariale disgustoso da Ginevra a Zurigo

McDonald's ha esteso la sua cooperazione con UberEats da Ginevra a Zurigo. Vi partecipano altre 50 catene di ristoranti. I corrieri lavorano ora anche a Zurigo come falsi lavoratori indipendenti senza assicurazione contro gli infortuni, senza assicurazioni sociali e con salari da dumping. Il modello di business di Uber non tiene conto delle condizioni di lavoro standard del settore e promuove quindi la precarizzazione in tutto il settore. syndicom chiede a Uber, ai partner commerciali e ai politici di prendere finalmente i provvedimenti necessari a tutela dei dipendenti: deve essere istituito un CCL obbligatorio per i corrieri di Uber.

Il crescente settore dei corrieri è ben noto per il fatto che le condizioni di lavoro sono generalmente precarie a causa della mancanza di contratti collettivi. Per David Roth, segretario centrale di syndicom, la cooperazione tra McDonald's e UberEats può avere ulteriori conseguenze di vasta portata per il settore: «La pressione competitiva e le piattaforme emergenti minacciano le condizioni di lavoro nel settore poiché scaricano il rischio sui conducenti. Con il CCL Corrieri in bici, in vigore dal 1° maggio 2019, UberEats ha ora un contratto collettivo di lavoro che può essere applicato al settore». syndicom invita quindi ancora una volta UberEats ad applicare il CCL ai propri dipendenti e a cercare il dialogo sociale con syndicom.


Rapido, flessibile, illegale

Il modello di business di Uber si basa in tutto il mondo sul dumping salariale e sull'elusione delle leggi. Questo vale anche per la Svizzera. Nel mese di maggio, il Tribunale del lavoro di Losanna ha emesso al riguardo una sentenza di principio che era attesa da tempo: il rapporto di lavoro tra Uber e i suoi autisti è paragonabile al contratto di lavoro tra una società di taxi e i suoi dipendenti. Anche la SUVA ha classificato Uber come datore di lavoro già nel 2017. Tuttavia, Uber si rifiuta tuttora di classificare i suoi autisti come dipendenti e di pagare le prestazioni corrispondenti. La politica deve ora intervenire, poiché la digitalizzazione non deve avvenire a spese dei lavoratori. Deve essere progettata con le persone e per le persone. Al fine di creare accettazione per le tecnologie e le forme di lavoro emergenti, gli interessi dei dipendenti devono essere protetti.

Rimani aggiornato

In modo personale, veloce e diretto

Vuoi sapere per cosa ci impegniamo? Abbonati alla nostra newsletter! I nostri segretari e le nostre segretarie regionali saranno felici di rispondere alle tue richieste personali.

syndicom nei tuoi paraggi

Nei segretariati regionali troverai sostegno e una consulenza competente

Abbonare la newsletter