Articolo

Per un servizio pubblico di qualità

Il 2 aprile si è tenuta a Sessa l’annuale assemblea generale. I partecipanti si sono espressi con forza a favore del servizio pubblico, costantemente messo in discussione da logiche di mercato che indeboliscono le condizioni di lavoro e peggiorano il funzionamento dell’intera società. 

L’hotel ristorante “I grappoli” di Sessa ha accolto numerosi colleghi e colleghe dei diversi settori di cui si occupa syndicom: posta, logistica, telecomunicazioni, in- dustria e arti grafiche, giornalismo, commercio librario e altri ancora. Ambiti sempre più vicini, nell’attuale società dell’informazione in cui trovano convergenza telecomunicazioni e media. Ma anche settori nei quali l’esternalizzazione dei servizi, la mancanza di contratti collettivi e il peggioramento delle condizioni di lavoro sono una realtà tangibile.

Per questo syndicom continua a battersi. Come è stato ricordato in assemblea, il 2015 è stato un anno di battaglie, come quella alla Südpack di Bioggio, l’azienda di cartonaggio e imballaggio, nella quale i dipendenti, appoggiati da syndicom, si sono astenuti dal lavoro per lottare contro i licenziamenti. Accanto agli autotrasportatori della Posta, lo scorso autunno syndicom ha coordinato un’azione di protesta presso il centro Postlogistics di Cadenazzo. syndicom si è infine pronunciata in modo chiaro anche contro gli indegni licenziamenti alla RSI, denunciando anche le precarie condizioni contrattuali alle quali è sottoposto da anni il personale tecnico della stessa RSI, impiegato presso ditte esterne.

Un anno di risultati

Oltre alle battaglie, il 2015 è stato anche un anno di risultati. Innanzitutto, l’importante rinnovo del contratto collettivo di lavoro (CCL) dell’industria grafica, il primo CCL dell’infrastruttura di rete e la firma del contratto collettivo dei call center, il primo della categoria nel nostro Paese in un settore nel quale è stato rilevato il più alto tasso di abusi proprio in Ticino. Sempre nel 2015, sono stati resi pubblici i dati relativi allo sconfinamento del lavoro nella vita privata per i dipendenti delle telecomunicazioni, strumento che fa emergere una problematica attuale in tutte le professioni. Infine, attraverso le visite alle redazioni dei media, syndicom ha denunciato la mancata rilevazione del tempo di lavoro e dato inizio alle trattative per un contratto collettivo per gli operatori dei media, che manca in Ticino dal 2004.

La prima risoluzione, approvata all’unanimità dall’assemblea syndicom Ticino e Moesano, presieduta dal presidente di sezione Jose Feijoo Fariña, riguarda proprio il contratto collettivo di lavoro per i professionisti dei media, per il quale è stata lanciata la campagna nazionale (www.cclmedia.ch).

La seconda risoluzione (riportata integralmente in queste pagine) tocca un tema molto sentito e attuale, quale il servizio pubblico, messo costantemente in discussione da logiche di mercato che indeboliscono le condizioni di lavoro e peggiorano il funzionamento dell’intera società. Con questa risoluzione, l’assemblea generale del sindacato syndicom sezione Ticino e Moesano ribadisce la necessità e l’importanza di un servizio pubblico di qualità che deve essere garantito, non soltanto come modello di riferimento per condizioni di lavoro dignitose, ma anche nell’interesse di tutta la popolazione.

Del tema si è occupata anche la relazione finale dell’assemblea, dedicata alle privatizzazioni, con Graziano Pestoni, presidente USS Ticino, (vedi a fianco).

Rimani aggiornato

In modo personale, veloce e diretto

Vuoi sapere per cosa ci impegniamo? Abbonati alla nostra newsletter! I nostri segretari e le nostre segretarie regionali saranno felici di rispondere alle tue richieste personali.

syndicom nei tuoi paraggi

Nei segretariati regionali troverai sostegno e una consulenza competente

Abbonare la newsletter