Articolo

Posta e sindacati avviano le trattative per il nuovo CCL

Il 15 agosto 2013, la Posta Svizzera, il sindacato syndicom e l’associazione del personale transfair avvieranno le trattative per un nuovo contratto collettivo di lavoro (CCL) per i col-laboratori della Posta. Questo l’accordo raggiunto nel corso di un incontro dai vertici delle parti sociali, che hanno al contempo incaricato i propri delegati di avviare le trattative. Il nuovo CCL della Posta dovrebbe essere sottoscritto verso fine 2014 ed entrare in vigore nel 2015.

(da sinistra) Herbert Jochum, Danielle Ritz, Fritz Gurtner, Patrick Savary, Simon Bischof, Kaspar Bütikofer, Hans Schilling, Sonja Oesch, Heinz Suter

La nuova legislazione postale in vigore dal 2012 obbliga la Posta a negoziare un contratto col-lettivo di lavoro con i sindacati entro due anni dalla sua trasformazione in SA. Il CCL attuale è in vigore da oltre dieci anni. In questo lasso di tempo, il mondo del lavoro ha subito forti cambia-menti. Le trattative sono quindi un’opportunità per rendere il CCL più moderno e rispondente alle sfide future, tenendo in debita considerazione sia gli interessi dell’azienda sia le richieste dei collaboratori. La Posta intende restare anche in futuro un datore di lavoro socialmente re-sponsabile e interessante, in grado di offrire condizioni di lavoro eque. Nel corso di un incontro, i vertici delle parti sociali hanno incaricato i propri delegati di dare il via alle trattative il 15 ago-sto 2013.

Ancora validi i contratti individuali di lavoro dei collaboratori nell’ambito del CCL

Finché resta in vigore l’attuale CCL, in linea di principio per i collaboratori migrati a luglio nelle società anonime Posta CH SA e PostFinance SA non cambia nulla: tutti gli attuali rapporti di lavoro saranno mantenuti invariati. Solo in caso di controversie in materia di lavoro tra i colla-boratori e il datore di lavoro, la competenza spetta ora ai tribunali civili. I collaboratori saranno inquadrati con un nuovo contratto individuale di lavoro solo al momento dell’entrata in vigore del nuovo CCL.

Trattative riservate
È nell’interesse di tutte le parti sociali che le trattative si svolgano in un contesto di correttezza e collaborazione. Le trattative non saranno pubbliche. Le parti sociali renderanno noti a tempo debito i risultati delle trattative.

Rimani aggiornato

In modo personale, veloce e diretto

Vuoi sapere per cosa ci impegniamo? Abbonati alla nostra newsletter! I nostri segretari e le nostre segretarie regionali saranno felici di rispondere alle tue richieste personali.

syndicom nei tuoi paraggi

Nei segretariati regionali troverai sostegno e una consulenza competente

Abbonare la newsletter