Articolo

8400 dipendenti firmano una petizione per un incremento dei salari

Per la tornata salariale di quest'anno, il sindacato syndicom chiede che la Posta Svizzera SA metta a disposizione il 4,4 per cento della massa salariale per un incremento dei salari. Tutti i dipendenti postali dovrebbero ricevere almeno 200 franchi svizzeri al mese. La richiesta comprende la piena compensazione del rincaro e un aumento reale dei salari. 8400 dipendenti postali, che corrispondono a quasi un terzo del personale assoggettato al CCL, hanno sottoscritto una petizione in tal senso. La petizione è stata consegnata oggi, all'inizio delle trattative salariali, a Valérie Schelker, membro della Direzione del gruppo Posta, presso la sede centrale di Berna.

[Translate to Italiano:]
Matteo Antonini, responsabile del settore logistica del sindacato syndicom, consegna i moduli di petizione a Valérie Schelker, responsabile delle risorse umane e membro della direzione della Posta.

I dipendenti della Posta assicurano il servizio universale, forniscono servizi rilevanti per il sistema alle aziende e alla popolazione in Svizzera. L'attuale situazione economica sta mettendo a dura prova il potere d'acquisto delle lavoratrici e dei lavoratori. Oltre all'inflazione, l'aumento dei premi delle casse malati grava sul bilancio familiare dei dipendenti. Ma anche la situazione del mercato del lavoro ha un impatto sulla politica salariale della Posta.

Per questo syndicom chiede alla Posta non solo di compensare l'inflazione, ma anche di aumentare i salari reali e quelli minimi. syndicom chiede che la Posta metta a disposizione il 4,4 per cento della massa salariale per gli aumenti salariali. Tutti i dipendenti della Posta dovrebbero ricevere almeno un incremento salariale di 200 franchi (per tredici mensilità) più un aumento del salario reale. Questa misura potrà rafforzare il potere d'acquisto dei dipendenti postali, con effetti positivi anche sull'economia nazionale. Matteo Antonini, membro del Comitato direttivo di syndicom, afferma: «Le richieste salariali dei dipendenti della Posta sono su vasta scala. Nelle ultime settimane, oltre 8400 dipendenti di tutte le società del gruppo della Posta hanno sottoscritto una petizione in tal senso».

Azione rumorosa presso la sede della Posta

Con un'azione rumorosa davanti alla sede centrale della Posta a Berna, i delegati di syndicom di tutte le società della Posta hanno presentato oggi le loro richieste alla Valérie Schelker, membro della Direzione del gruppo Posta (foto dell'azione qui/link). Postini, conducenti di autopostali, addetti al recapito dei pacchi, consulenti alla clientela degli sportelli postali e di PostFinance si sono riuniti oggi a Berna per ribadire la loro richiesta di salari migliori. Matteo Antonini ha dichiarato al riguardo: «Con un aumento salariale per tutti, la Posta migliora la propria attrattiva come datore di lavoro e attira in tal modo il personale qualificato urgentemente necessario in tutti i settori. Soprattutto in vista dell'ondata di pensionamento della generazione dei baby boomer nei prossimi anni, la Posta avrà un grande bisogno di personale qualificato. Con una politica salariale intelligente, può posizionarsi di conseguenza. Le richieste di syndicom si applicano a tutti i dipendenti postali dei settori coperti dai vari contratti collettivi, compresi i dipendenti dei subappaltatori e quelli temporanei.

Dossier Richieste di salario 2023

 

Rimani aggiornato

In modo personale, veloce e diretto

Vuoi sapere per cosa ci impegniamo? Abbonati alla nostra newsletter! I nostri segretari e le nostre segretarie regionali saranno felici di rispondere alle tue richieste personali.

syndicom nei tuoi paraggi

Nei segretariati regionali troverai sostegno e una consulenza competente

Abbonare la newsletter